top of page
Search
  • Writer's pictureEmanuele Giacomo Dalla Torre

AISSI ringrazia la rettrice dell'università La Sapienza di Roma, prof.ssa Antonella Polimeni

Tel Aviv, 17.4.2024

  

Alla Magnifica Rettrice

Prof. Antonella Polimeni

Università La Sapienza

 

Egregia Prof. Polimeni,


Le scrivo a nome dell’Associazione degli Accademici e Scienziati di origine italiana in Israele (AISSI) che ho l’onore di rappresentare in veste di Presidente.


Come uomini e donne di scienza ci preoccupa molto vedere ciò che sta accadendo nelle università italiane con il boicottaggio verso l’Accademia Israeliana. Sopratutto, come abbiamo appreso dalla stampa vedere gruppi di  studenti che chiedono ai loro rettori il boicottaggio di Israele e l’interruzione di  qualsiasi rapporto con i colleghi israeliani, a volte usando anche la violenza verbale se non fisica, come sta succedendo nella Sua universita’.


Pertanto, siamo estremamente lieti nell’apprendere la Sua posizione nei confronti del boicottaggio che anche a nostro giudizio oscura quei concetti di libertà e di rapporto dialettico che sono o dovrebbero essere i capisaldi di una Accademia libera e democratica.

Grazie quindi per cio’che sta facendo e per il coraggio che sta dimostrando. Lo apprezziamo tantissimo e ci teniamo ad esprimerLe con questo email i nostri piu’ sentiti ringraziamenti.


La Sua non e’ una scelta scontata, ci rendiamo perfettamente conto che la Sua posizione come rettrice sia difficile e delicata e questo Le fa doppiamente merito.

Come Lei saprà sono diversi anni che c’è una stretta collaborazione tra le due accademie, con accordi Erasmus, accordi bilaterali ed anche progetti di ricerca gestiti da singoli ricercatori.


 Accordi e collaborazioni che sono stati, e sono, un successo, contribuendo nel corso degli anni ad un notevole progresso scientifico, culturale e di ricerca innovativa dando prestigio ad entrambe le accademie, sia israeliana che italiana.


Accordi, che a nostro giudizio andrebbero incrementati  con ulteriori  collaborazioni e scambio di conoscenze tra i nostri ricercatori attraverso programmi di mobilità accademica e visite reciproche. Lo stesso programma dovrebbe valere anche per gli studenti, in quanto queste esperienze non solo arricchirebbero il loro bagaglio accademico, ma contribuirebbero anche a conoscere e a capire meglio la realtà e la società israeliana, favorendo così un dialogo di confronto.


Come AISSI saremo lieti ed onorati di potere intrattenere un confronto aperto ed operoso con l'Ateneo che rappresenta. 


Cordiali Saluti,


Cristina Bettin

President of the Association of Italian Scholars and Scientists in Israel ( AISSI )





6 views0 comments

Comments


bottom of page